Isolamento termico ed acustico

I pannelli in polistirene costituiscono una tecnologia innovativa ed ecologica ed hanno trovato un gran numero di impieghi. Uno dei settori in cui l’EPS viene impiegato notevolmente è quello dell’edilizia, settore nel quale i pannelli in polistirene sono considerati una soluzione da prendere in considerazione per risolvere molti problemi.

 

Un primo impiego dei pannelli polistirolo è quello volto ad ottenere un isolamento termico del sottotetto. Il sottotetto è la zona che si trova al di sotto del tetto a falde, una copertura che viene scelta per la sua capacità di far defluire in modo corretto l’acqua piovana. In alcune case il sottotetto viene ristrutturato e reso un ambiente abitabile. In questo caso è importante che l’ambiente sia correttamente isolato dal punto di vista termico, sia per garantire il benessere a chi dovrà trascorrerci il proprio tempo, sia per ridurre lo spreco energetico ed il conseguente inquinamento ambientale. Per l’isolamento termico del sottotetto si ricorre spesso ai pannelli in polistirene, una soluzione vantaggiosa dal punto di vista della resa ed anche dal punto di vista della spesa economica.

 

Un altro impiego dei pannelli in polistirene riguarda l’isolamento dei soffitti e dei sottopavimenti. Si tratta in questo caso di un isolamento sia acustico che termico. I pavimenti ed i soffitti, definiti in gergo tecnico partizioni orizzontali, sono una delle principali cause di dispersione termica e di cattivo isolamento acustico. Per questo motivo diventa fondamentale intervenire in modo corretto su queste strutture e l’impiego dell’EPS per un ottimo isolamento può essere la soluzione ideale. Per quanto concerne l’isolamento del soffitto, è sufficiente porre il polistirolo espanso sul solaio, mentre per l’isolamento dei pavimenti, esso deve essere posato in modo corretto. L’isolamento dei pavimenti viene consigliato solo quando questi poggiano a terra o poggiano su un locale sottostante che non è riscaldato, altrimenti non è necessario l’impiego di questo materiale.

 

Come per le partizioni orizzontali, l’EPS può essere sfruttato anche per l’isolamento, ancora una volta sia termico che acustico, delle pareti verticali. Per eliminare i cosiddetti ponti termici, che portano ad una dispersione notevole di calore, il nostro consiglio è di intervenire sulle pareti verticali che comunicano con l’esterno dell’abitazione. E’ proprio a livello di queste pareti che gran parte del calore viene disperso, dunque andando ad isolarle sarà possibile mantenere con più facilità la temperatura e ridurre in modo evidente la spesa energetica. Ottenere un isolamento di questo tipo non è complesso, nella maggior parte dei casi si opta per quello definito a cappotto. Si pongono i pannelli in polistirene sulle pareti da isolare, utilizzando delle specifiche malte e si nascondono i giunti, in modo che la parete possa poi essere sottoposta ai normali lavori di finitura, andando ad esempio a tinteggiarla, oppure applicando una carta da parati.

 

Questi descritti sono i principali impieghi che i pannelli in EPS trovano nel settore dell’edilizia. La possibilità di utilizzarli o meno dipende dal tipo di lavoro che si ha intenzione di fare, dalle caratteristiche dell’edificio e dalle soluzioni che erano state precedentemente impiegate per ottenere l’isolamento.

Tags
Categoria
Autore